Sotto la tenda dei nomadi magrebini gli oggetti diventano protagonisti. Attorno al tappeto, casa dei viaggiatori, i bambini hanno potuto incontrare personaggi magici, raggiungere città, montagne e deserti, vivendo fatti imprevedibili che li hanno incuriositi, fatti ridere, sorridere e anche riflettere.